Pubblichiamo il documento approvato all’unanimità dal Consiglio Pastorale Parrocchiale, ringraziando il gruppo di lavoro che in questi anni ha dedicato con generosità tempo, energie, passione, studio e confronto per elaborarlo.

PRINCIPI ORIENTATIVI VERSO UN PROGETTO EDUCATIVO

PER IL CENTRO PARROCCHIALE DI SAN PIO X

La presenza di un Centro Parrocchiale nella nostra parrocchia ci spinge a riflettere sulla necessità di costruire un documento che indichi un progetto educativo entro cui operare pur senza imbrigliare la forza dello Spirito e la fantasia delle persone: infatti complesso è l’impegno per “educare i giovani alla vita buona nel Vangelo”, per affiancare gli adulti nel loro cammino spirituale e per affrontare la sfida dell’integrazione sociale e culturale.

 

Si tratta di definire delle linee guida, scelte di fondo condivise, che da una parte permettano di darci uno stile - come vogliamo essere? - e dall’altra aiutino in futuro nella scelta dell’uso degli spazi e delle proposte - cosa vogliamo fare? -.

 

Avere un progetto educativo è uno strumento per rendere più mirata, continuativa ed efficace, l’azione educativa e permettere una maggiore corresponsabilità di tutti coloro che vivono, a vario titolo, il Centro Parrocchiale: chi partecipa ad attività/proposte e chi presta servizio nel Centro avrà una cornice di riferimento entro cui muoversi.

 

Il Centro Parrocchiale vuole:

  • promuovere attività legate alla conoscenza, valorizzazione e condivisione della Parola di Dio attraverso la catechesi

•                    promuovere attività che consentano la formazione, il confronto, l’integrazione, la socializzazione e l’amicizia tra le persone attraverso il gioco, lo sport, le attività di laboratorio e il tempo libero

•                    valorizzare l’importanza e le aspettative dei suoi attori principali, i giovani, proponendosi come incubatore di idee e promotore dell’agio

•                    rispondere alle esigenze dei più giovani, avendo ben presenti la complessità della società in cui viviamo e la necessità di essere aperti allo scambio generazionale e alla interculturalità, con una loro presenza attiva nel mondo adulto.

 

In questa logica e tenendo conto dell’esperienza fatta, il Centro Parrocchiale è/dovrebbe essere:

un bene comune cioè un patrimonio e uno spazio di crescita umana e cristiana per tutta la Comunità fatta di bambini, ragazzi, giovani, adulti e anziani; ciò si esprime attraverso cammini differenziati di conoscenza e condivisione dei valori cristiani come la catechesi, l’ animazione

il centro della rete sociale della Comunità ossia luogo in cui si arricchiscono e si coltivano le relazioni umane con particolare attenzione alla loro qualità, dove si creano legami di vicinanza costruiti sulla fiducia reciproca e sul rispetto; ciò si realizza, per esempio, attraverso attività ludiche, attività sportive, laboratori, serate formative e culturali

un luogo d’incontro tra persone che pur nella diversità generazionale e di appartenenza religiosa trovano accoglienza vera e piena, senza nascondere i conflitti che, inevitabilmente, possono sorgere dall’in-contro di persone anche molto diverse tra loro

incubatore di idee: spazio in cui bisogni e desideri di ciascuno, in modo particolare dei ragazzi e dei giovani, sono riconosciuti dagli adulti/ educatori che operano a vario titolo nel Centro Parrocchiale i quali, impegnandosi a leggere le domande da loro espresse attraverso linguaggi diversi, danno vita ad un movimento di pensieri ed azioni per costruire dei progetti concreti con obiettivi raggiungibili (rispetto alle risorse umane e materiali della Comunità).

Gli adulti-educatori del Centro Parrocchiale hanno il compito di accompagnare i ragazzi, supportandoli nel costruire i loro percorsi di vita

un luogo di transito ossia un luogo facilmente accessibile e familiare, uno spazio di libero accesso e gratuito dove si possono incontrare persone in modo spontaneo e non solo partecipare ad attività “strutturate e definite”. 

Abbiamo, infine, individuato delle “parole chiave” per la costruzione del progetto educativo:

➢            FORMAZIONE: riteniamo fondamentale che ci siano dei momenti di confronto, condivisione e formazione per chi opera a vario titolo nel Centro Parrocchiale, in modo particolare per chi si relaziona con i ragazzi e i giovani

➢            INTERGENERAZIONALITÀ: nei nostri ragionamenti e soprattutto nelle nostre prassi dobbiamo passare da un Centro Parrocchiale “per” i giovani ad un Centro Parrocchiale “con” i giovani: il Centro si trasformerà quindi da luogo che risponde a bisogni aggregativi basilari a luogo dove si può sperimentare l’assunzione di responsabilità e co-gestione…bisogna coinvolgere i giovani nelle scelte

➢            COMPLESSITÀ: in sintonia con il progetto educativo, sperimentare proposte e percorsi accettando l’imprevedibilità degli esiti, senza predefinire tutto in partenza, contenendo il rischio di mettere eccessivi vincoli che impediscono di valorizzare nuove idee, possibilità, scoperte

➢            CORRESPONSABILITÀ: un proverbio africano dice “ci vuole un villaggio per far crescere un bambino”. Noi facciamo nostro questo pensiero e, in questo senso, il Centro Parrocchiale è vicino alle famiglie e collabora con loro nel crescere ed educare i loro figli. E’ bello e auspicabile che i genitori/adulti che hanno disponibilità, anche temporanee, mettano a servizio della Comunità tempo e competenze sportive, musicali, creative in un atteggiamento di generosa dedizione nei confronti delle giovani generazioni.