Quaresima 2024

Incontri e Parole lungo la via...

dolore

Papa Francesco e il dolore...

Che effetto le fa lo spettacolo di una vita che si spegne a causa di una penosa malattia?

"Resto muto. La cosa che mi viene spontanea è rimanere zitto e, a seconda del grado di confidenza, prendere la mano del malato. E pregare per lui perché il dolore fisico, come quello spirituale, è una cosa interiore, inaccessibile agli altri, che comporta una dose di solitudine. Quel che una persona ha bisogno di sapere è che c’è qualcuno accanto a lei che rispetta il suo silenzio e che prega perché Dio entri in quello spazio che è pura solitudine." (Jorge Mario Bergoglio)

Nel buio più pesto anche una sola candela fa un’enorme differenza. Sorridi. Potrebbe essere il raggio di sole che qualcuno ha bisogno in una giornata tempestosa. E’ facile avere pace interiore quando tutto va bene. E’ ben più difficile quando imperversano le tempeste della vita. Dio può darti pace in mezzo alla tempesta, la certezza di sapere che comunque Lui è in controllo e ti ama.

Gino Colpo